giovedì 11 aprile 2019

Esiste un post-emergenza veramente selettivo?

Leggi l'intervista a Michele Pasti (Agricoltore)

Punto Mais 4 2019 tavola Laudis 

Esiste un trattamento di post-emergenza effettivamente selettivo per la coltivazione del mais?

È questo il quesito più frequente dei maiscoltori, i quali, periodicamente, sono obbligati a fronteggiare le problematiche connesse alla presenza delle malerbe in campo. Ne sa qualcosa la famiglia Pasti che attualmente semina circa 200 ettari di mais a Terzo d’Aquileia (Udine). La Tenuta Salmastro, della quale Michele Pasti è amministratore, dedica una minuziosa attenzione alla gestione delle erbe infestanti, al fine di garantire la massima resa del prodotto finale.
 

A quale conclusione siete arrivati nella gestione post-emergenza?

Dal nostro punto di vista, la soluzione migliore risiede nella combinazione ponderata tra i prodotti Adengo Xtra e Laudis, entrambi di Bayer. Ovviamente le molecole vengono utilizzate in base alle effettive necessità, cercando di volta in volta il giusto equilibrio in base ai livelli pluviometrici e alle temperature. Normalmente, utilizziamo Laudis dalla seconda alla quinta foglia del mais, quindi fino a un mese e mezzo dal momento della semina. All’inizio abbiamo testato il prodotto su un appezzamento di un ettaro, successivamente ne abbiamo ampliato l’impiego tanto che oggi trattiamo l’intera superficie.
 

Qual è la carta vincente di Laudis, che vi ha convinto a estenderne l’utilizzo?

Sicuramente l’efficacia totale sulle malerbe e l’assenza di invasività sulla pianta di mais. Questi fattori sono determinanti nella scelta di un prodotto. La nostra attenzione è altissima e cerchiamo l’eccellenza nella granella finale. Raccogliamo la granella ben prima del raggiungimento del 22% di umidità ed eseguiamo un’attenta essicazione (in house) a temperature tra i 90 e i 95 °C. Laudis ci consente di mantenere perfettamente integra la pianta del mais, rendendola più robusta e meno suscettibile ad attacchi esterni. Abbiamo inoltre notato che, a trattamento eseguito, la pianta procede nella naturale crescita, senza quindi subire l’arresto momentaneo dopo il trattamento.

Punto mais foto 2019 Michele Pasti 

 

Copyright © Bayer AG