Cerca
Cerca

Peronospora, la difesa della vite in quattro puntate

Per restare al fianco dei viticoltori lungo tutta la stagione, Bayer presenta la Rubrica Antiperonosporici, costituita da quattro puntate che usciranno ad aprile, maggio, giugno e luglio seguendo le fasi fenologiche più critiche per la difesa della coltura

Seconda puntata

Da grappoli separati a inizio fioritura

La fioritura e la fase successiva dell’allegagione sono i momenti più delicati per il grappolo in quanto i giovani acini sono ancora provvisti di stomi e sono quindi facilmente colonizzabili dal fungo, ed è per questo che è fondamentale agire in modo preventivo, dalla pre-fioritura, con un fungicida come R6 Erresei Albis: gazie al profilo ecotossicologico favorevole e alla sistemia dei due principi attivi di cui è composto, fluopicolide e fosetyl alluminio, R6 Erresei Albis è un prodotto versatile che aiuta il viticoltore a coniugare efficacia e sostenibilità, proteggendo la vite anche in un periodo caratterizzato da piogge frequenti.

Articolo di approfondimento

Peronospora, come difendere la vite in pre-fioritura

La fase di pre-fioritura è uno stadio cruciale dello sviluppo della vite poiché getta le basi della produttività in vendemmia. Per questo occorre prevenire le infezioni da peronospora.

Prima puntata

Dal germogliamento a foglie distese

Durante le fasi iniziali della stagione, quando la giovane vegetazione può essere soggetta ad infezioni primarie di P. viticola, Bayer consiglia l'uso di Mikal F, un fungicida ad azione sistemica e di contatto a base di Fosetyl alluminio e Folpet.

Articolo di approfondimento

Peronospora, come difendere la vite al germogliamento

In primavera le oospore di peronospora si attivano dando origine alle infezioni primarie a carico delle giovani foglie. Per tenere bassa la pressione del fungo durante tutto l'anno è cruciale ostacolare le infezioni primarie

Problemi con l'Oidio?

Continua a leggere...

Vite, peronospora al tappeto se si gioca d'anticipo

Plasmopara viticola è un fungo capace di apportare danni ingenti alle produzioni di uva. Per contrastarlo è indispensabile proteggere la pianta fin dai primi stadi fenologici, in modo da ostacolare le infezioni primarie