Cerca
Cerca
APPROFONDIMENTI

Zucchino, il virus New Delhi si batte sul tempo

Il Tomato Leaf Curl New Delhi Virus (ToLCNDV) è oggi una delle avversità più problematiche nella coltivazione dello zucchino. Presente in tutto il Centro-Sud Italia viene trasmesso dalla mosca bianca delle serre (Bemisia tabaci)

In breve
Per aiutare gli orticoltori a prevenire e contenere la diffusione di New Delhi Virus Bayer offre Sivanto Prime, un insetticida con un elevato potere abbattente in grado di controllare il vettore del virus, salvando coltura e reddito.

Il problema

Il Tomato Leaf Curl New Delhi Virus (ToLCNDV) è diffuso in tutto il Centro-Sud Italia e rappresenta una delle principali avversità nella coltivazione dello zucchino in quanto può compromettere la crescita delle piante, se il contagio avviene precocemente, oppure causare malformazioni ai frutti, rendendo la coltura economicamente non sostenibile.

Il virus New Delhi non si trasmette da una pianta all'altra tramite gli afidi, che sono i vettori delle altre virosi dello zucchino, ma tramite Bemisia tabaci, la mosca bianca del tabacco, un aleurodide diffuso in tutto il Paese che si infetta cibandosi della linfa grezza su esemplari colpiti da ToLCNDV e trasmette poi il virus alle piante che visita successivamente.

Il virus New Delhi nella coltivazione dello zucchino

Il Tomato Leaf Curl New Delhi Virus è stato isolato per la prima volta nel 1995 in India su piante di pomodoro (da cui il nome). Si è poi diffuso in Europa e nel 2015 è stato ritrovato in Sicilia. Dall'isola ha poi risalito lo Stivale fino ad arrivare nel Centro Italia.

Il virus può infettare piante della famiglia delle Solanacee (come pomodoro, patata e peperone) e delle Cucurbitacee (come zucchino, melone e cetriolo). A differenza che in Asia, in Europa il virus ha attaccato soprattutto le cucurbitacee e in particolar modo lo zucchino.

Le piante colpite presentano foglie malformate, arricciate, con nervature gonfie e decolorazioni, nonché maculature lungo le nervature del lembo fogliare. Le zucchine invece presentano rugosità e increspature dell'epidermide che ne annullano il valore commerciale.

La difesa dello zucchino dal New Delhi Virus

In attesa che si selezionino varietà di zucchino resistenti al ToLCNDV l'unica strategia di difesa è di tipo preventivo e si concretizza nel contenimento della diffusione e nella lotta a Bemisia tabaci. La mosca bianca del tabacco è infatti l'unico vettore oggi conosciuto del virus e dunque la sua assenza in campo è sinonimo di coltura protetta.

Su questo fronte Bayer offre Sivanto Prime, un insetticida a base di flupyradifurone, una sostanza attiva appartenente ad una nuova famiglia chimica (rispetto alla quale non sono noti fenomeni di resistenza), che è in grado di controllare efficacemente tutti i fitomizi, gli insetti con apparato boccale pungente-succhiante, come gli aleurodidi appunto, ma anche afidi e cocciniglie.

Fabio Ceci - Tecnico Ricci Agricoltura (LT)

Impiego Sivanto Prime ormai da alcuni anni e ho potuto apprezzare il suo elevato potere abbattente che mi permette di controllare tutti gli insetti dannosi in campo, compresa la mosca bianca vettore del virus New Delhi”, racconta Fabio Ceci, tecnico della rivendita Ricci Agricoltura, in provincia di Latina, che segue numerose aziende della zona che coltivano zucchino.

Nel Lazio il ToLCNDV è ormai da tempo una avversità che impensierisce gli orticoltori, specialmente chi coltiva zucchino sotto serra. Qui la mosca bianca trova le condizioni ideali per riprodursi arrecando seri danni alle produzioni, soprattutto a causa della trasmissione del virus.

Contro B. tabaci Sivanto Prime è probabilmente il miglior prodotto insetticida sul mercato”, sottolinea Ceci. “Le limitazioni di etichetta impongono solo due trattamenti all'anno sotto serra, che noi collochiamo al momento della raccolta, avendo un tempo di carenza limitato. Questo ci permette di controllare il vettore del virus in un momento delicato, quando occorre preservare la sanità delle zucchine”.

Come da etichetta il tempo di carenza è di 3 giorni e sono ammessi al massimo due trattamenti all'anno, distanziati di almeno 10 giorni. La possibilità di raccogliere le zucchine pochi giorni dopo il trattamento è un aspetto importante in una coltura a raccolta scalare come lo zucchino. “Durante il periodo di massima produttività si entra in serra per raccogliere gli zucchini praticamente un giorno sì e uno no. Su questo fronte Sivanto Prime offre efficacia e flessibilità d'utilizzo”, sottolinea Ceci.

Sivanto Prime, il velocista degli insetticidi

Ci sono altre tre caratteristiche che fanno di Sivanto Prime l'insetticida ideale nel controllo della mosca bianca. Il primo è il cosiddetto Fast Feeding Cessation: in altre parole l'insetto smette di nutrirsi neppure dieci minuti dopo che è entrato in contatto con il prodotto (efficace sia per ingestione che per contatto); questo impedisce di fatto la trasmissione della virosi. 

Il secondo è la capacità di Sivanto Prime di essere traslocato per via sistemica su tutta la vegetazione e ridistribuito per via translaminare. In questo modo anche se la pagina inferiore della foglia non viene irrorata dalla soluzione, la sostanza attiva penetra nei tessuti raggiungendo il fitomizo.

Il terzo aspetto importante è la selettività. Sivanto Prime è infatti rispettoso dell'entomofauna utile, che gioca un ruolo importante nel controllo degli insetti dannosi, e selettivo verso api e bombi, che invece sono responsabili dell'impollinazione.

Nella mia esperienza di campo non ho mai avuto problemi di tossicità per quanto riguarda i bombi”, sottolinea Ceci. “Occorre però che gli agricoltori seguano le buone pratiche agronomiche, ad esempio chiudendo le arnie la sera prima del trattamento e riaprendole poi il giorno successivo”.

Applicato alla dose di 0,45-0,56 litri ad ettaro, grazie alla sua efficacia e flessibilità d'impiego Sivanto Prime si candida ad essere lo strumento ideale di difesa dello zucchino dalla mosca bianca, vettore del New Delhi virus, e dagli afidi, vettori di altre virosi, come ad esempio il Moroccan Watermelon Mosaic Virus.

Scopri di più su Sivanto Prime

Titolo Zucchino, il virus New Delhi si batte sul tempo
Categoria Approfondimenti
Pubblicato